Le migliori ricette per bambini? Cominciamo con una minestrina di lenticchie “stellare”

Un ciuco cocciuto  col ciuffo sugli occhi 

rosicchia carciofi, spinaci e finocchi.

Tirando calcioni e muovendo le orecchie

rosicchia tante buone lenticchie.

Ora, non so se questo scioglilingua possa aiutare a far mangiare la verdura ai vostri bimbi, quello che vi posso garantire per certo è che la ricetta di oggi impazzire i grandi e sognare i più piccoli! E se ai bambini i pezzettoni non piacciono passatela al passaverdura ma per voi, ve ne prego, tenetela nella veste di “Zuppa”, il passato è così triste!

Zuppa di Lenticchie stellare – circa

310 Kcal per porzione 

zuppa di lenticchie2def

Ingredienti per 6 persone

Una tazza colma di lenticchie secche

4 carote

4 belle patate

Un porro

3 cucchiai di polpa di pomodoro

Sale e Pepe

4 fette di Pan Carrè

Come si procede

ricette per bambini minestra di lenticchie step 2

1

Pulite le carote e sbicciate le patate, tagliatele a tocchettini piccoli. Lavate le lenticchie. 

ricette per bambini minestra di lenticchie step 1

2

 In una grande pentola scaldate un filo d’olio e, quando è caldo, aggiungete il porro affettato sottilmente. 

ricette per bambini minestra di lenticchie step 3

3

Qualche minuto dopo aggiungete anche le patate e le carote pulite e tagliate a cubettini piccoli e le lenticchie lavate per bene  (io ho messo anche 2 zucchine). Ora coprite le verdure con abbondante acqua e iniziate la cottura. Io ho preferito cuocere con la pentola a pressione per praticità e velocità, se volete potete cuocere a fuoco lento coprendo la pentola e mescolando di tanto in tanto, ci vorranno quasi 2 orette, pensateci 🙂 A cottura ultimata aggiustate di sale e pepe.

ricette per bambini minestra di lenticchie step 4

4

Ora, il bello della ricetta, chiamate i bambini e facciamo le stelle perché la nostra zuppa sia davvero una zuppa spaziale! Prendete le fette di pan carrè e, con uno stampino per biscotti a stella ricavate dei meravigliosi crostini.

zuppa di lenticchie finaledef1

5

 Adesso basterà impiattare (dopo aver passato la porzione per i bimbi più esigenti) e decorare con le stelline passate per qualche istante nel forno in modalità grill o in padella calda con dell’olio. Buon Appetito Famiglia! 

 

Alcuni consigli

Per avere una zuppa ancora più ricca di vitamine potete aggiungere cavolfiore e zucchine alla ricetta, in questo caso, farla digerire ai bambini sarà certo un po’ più difficile!

L’dea delle stelline per i bambini aiuta molto. Fatevi aiutare a prepararle, si sentiranno orgogliosi e sarà un gioco da ragazzi guardarli svuotare la fondina.

Non c’è verso di fargli mangiare la minestra neppure con questi stratagemmi? Optate per una bugia bianca, croccanti polpettine di lenticchie,  raccontategli che sono di pollo.. sono così buone che nemmeno si accorgeranno della differenza! 


zuppa di lenticchie finale1def2

Ti è piaciuto questo post? Unisciti alla nostra combriccola per ricevere in anteprima le mie ricette e tutti i consigli. Clicca su “Iscriviti”nella barra che trovi nella colonna qui a destra e inserisci la tua Email.. è un attimo!

Pizza coperta con porchetta e patate … un lusso per un triste post sbornia

Una camera d’albergo uso “casa”, uno stage uso  “lavoro” e una giornata finalmente di sole! Certe volte i ricordi vale la pena di cancellarli, certe volte gli sbagli vale la pena di dimenticarli!

Eccoci alla fine di queste feste (e da me non è neanche passata la befana!), forse perché ho lavorato o forse semplicemente perché mi sto abituando ma, la fine del Natale, non è che mi rattristi poi così tanto, soprattutto quando ho in programma di usare a breve il mio forno per fare qualcosa che amo alla follia, la pizza bianca ripiena di porchetta, patate e rosmarino. Quella si che vale la pena di farla soprattutto quando sale un muto senso di solitudine e un timido senso di colpa.

Pizza bianca con cuore di Porchetta, Patate e Rosmarino

finale schiacciata porchetta e patate

Ingredienti per una focaccia (circa 6 spicchi)

Metà  di questo impasto per pizza
1oo grammi di Porchetta di Treviso 
5 patate 
100 gr di Casatella
Olio EVO
Sale e Pepe qb
Rosmarino

Come si procede

1

Prepara la pasta seguendo queste indicazioni (per una focaccia riduci di metà le dosi). Dopo la lievitazione dividila in due parti uguali e stendile sottilmente all’incirca della stessa forma circolare. Farcisci con la porchetta, il formaggio a pezzetti e le patate dopo averle lessate bene e tagliate a spicchietti .

2

Copri con l’altro strato di pasta, bucalo con una forchetta e finisci con un filo d’olio, sale, pepe e abbondante  rosmarino.

schiacciata praga e carciofi step 1

3

Inforna a 200  gradi per massimo 10 minuti. Sforna e lascia intiepidire. Taglia a spicchi e gustala insieme agli amici!

schiacciata porchetta e patate

Alcuni Consigli

Il segreto nel gusto è la porchetta  e la Casatella di Treviso, solo così il risultato sarà davvero perfetto;

Mi raccomando la cottura! Non superate i 10 minuti. Se la pasta è sottile come dovrebbe è sufficiente dorarla, eccedendo nei minuti di cottura rischiate di seccare il ripieno.

Ti è piaciuto questo post? Iscriviti al blog per ricevere in anteprima le mie ricette e tutti i consigli. Clicca su “Iscriviti”nella barra che trovi nella colonna qui a destra e inserici la tua Email.. è un attimo:)

Sito per ricette senza glutine? Il nostro Blog collabora con i Tortini alle verdure- Proposito 2014

Augurarsi e augurare che l’anno nuovo risulti migliore del precedente è consuetudine antica e significativa. Questo ci dice come in tutta la storia dell’umanità non ci sia mai stato un anno così ben riuscito da chiedergli il bis!

Pino Caruso, 2009

Tortini Senza Glutine con cuore di Verdure  e Filante

ricetta senza glutine per celiaci 2

Ingredienti per 6 Tortini

Per le Crepes

Seguite gli ingredienti  che trovate a questo link

Per il Ripieno

Un Porro

2 Zucchine piccole

1 Pomodoro

1 Peperone

100 gr di Montasio (o un altro formaggio senza glutine)

Sale e Pepe

Parmigiano Reggiano

Come si procede

omlette senza glutinePrima di tutto

Preparate le crepes seguendo questa ricetta.

tortini senza glutine1

Lavate il porro e tagliatelo a dischetti sottili, apriteli ottenendo tanti anellini bianchi.

tortini  con verdure senza glutine2

Lavate il resto delle verdure (spellando e levando i semi al peperone) e riducete tutto a cubetti.

tortini senza glutine3

In una casseruola scaldate un filo d’Olio EVO e, quando caldo, aggiungete il porro. Pochi istanti dopo, il resto della verdura. Aggiungete ora anche il Montasio a Cubetti. 

4 step tortini

4

Prendete le Crepes e, usando uno stampo per tortina o per budino, sagomante la porzione. Farcite con due o tre cucchiai di ripieno “verduroso” e chiudete bene (se non capite, guardate la foto sopra). Capovolgete velocemente sulla placca coperta da carta da forno. Fatelo per tutti e sei i tortini.

ricette senza glutine5

Ora, prima di infornare a 150° per circa 30 minuti, spolverate con abbondante formaggio Grana.

Alcuni consigli

Adoro servire questi tortini su un letto di Fonduta di Montasio o di mix di formaggio, idea golosa per un antipasto da non dimenticare!

Poco amanti della verdura, preferite speck e funghi o ricotta e salmone? Che aspettate? La cosa veramente bella è che potete personalizzarli o, ancora meglio, farli diversi per ciascun ospite in base ai gusti!

ricetta senza glutine per celiaci

Hanno staccato la spina al Cadore

EeCCheccavolo, dovevo immaginarlo che i piani io li faccio perché vengano scombinati, dovevo fare tante foto e altrettante pubblicazioni ma la corrente doveva per forza saltare quindi niente lavoro e ancor meno sensi di colpa! Quindi, donne, se mi cercate o sono a picconare neve o sono a leggere ricette a lume di candela o a cucinare tutto ciò che inizia a gocciolare dal congelatore! Buone feste!

Tre ingredienti: Pere, Marsala e Sfoglia… Un dessert ideale

#SAPEVATELO

 Nel Settecento le pere erano considerate dolci “da passeggio”! Per le vie, un ambulante chiamato Peracottaro, le vendeva cotte, ricoperte di caramello e infilzate su un bastoncino per poterle mangiare per la strada.. !

Pere al Marsala in Crosta di Sfoglia

pere in crosta di sfoglia 4 wm

Gli Ingredienti

Una confezione di Pasta Sfoglia rettangolare

Tre pere abate 

Marsala

Due cucchiai di zucchero 

Cannella

Come si procede

pere in crosta di sfoglia step 3 wm

1

Pulite le pere e levate la buccia. Tagliatele a metà e cuocetele in una padella con  abbondante Marsala e lo zucchero.

pere in crosta di sfoglia step 4 wm

2

Dopo circa 15 minuti le pere saranno dorate e il marsala, unito allo zucchero, avrà creato una crema dolcissima e densa. Aggiungete la cannella e lasciate raffreddare.

pere in crosta di sfoglia step 5 wm

3

Tagliate per il lato lungo la sfoglia ottenendo due rettangoli della stessa grandezza. In una tortiera da Plum-Cake foderata con carta da forno mettete il primo strato di sfoglia e bucherellatelo con una forchetta. E’ l’ora delle pere: Mettete le Abate cotte sulla sfoglia ricoprendole con lo sciroppo di marsala e zucchero.

pere in crosta di sfoglia step 6 wm

4

Chiudete con l’altro rettangolo di sfoglia.  Fate dei piccoli tagli obliqui sulla pasta e infornate a 200°  per 15 minuti. 

pere in crosta di sfoglia 3

5

Servite tiepida a fette magari con un bicchierino di Marsala e decorandolo con del topping al cioccolato. 

Alcuni Consigli

Amanti del cioccolato? Potete rendere ancora più goloso questo dessert distribuendo un pugno di gocce di cioccolato fondente sulle pere prima di coprire con il secondo strato di sfoglia. 

Errore Comune: La sfoglia deve essere farcita sempre a freddo. Creme, Frutta e Farce varie, prima di essere disposte sulla pasta, devono essere a temperatura ambiente altrimenti la sfoglia perde tutta la sua fragorosità!

pere in crosta di sfoglia 2 wm

Torta integrale con mele, miele e un kg di grazie a La Cucina Italiana

“Delle buone torte di mele sono una parte considerevole della nostra felicità domestica.”

Jane Austen 

Con questo post voglio ringraziare la gentilissima Laura Forti e tutto lo Staff de La Cucina Italiana per aver raccontato il Mio Blog e la Storia della mia Famiglia nel numero di Ottobre in corrispondenza della ricetta della Pasta e Fagioli. La soddisfazione mia è stata tanta ma, almeno altrettanta, quella della mia Nonna Marianna. Pensate che ogni ospite che la visita non esce dalla sua casa senza aver letto l’articolo almeno 3 volte e sentito la storia del mio blog (e della Pasta e fagioli).

Con questa ricetta (che trovate in versione originale alla pagina 128 del numero di Novembre) voglio dire davvero GRAZIE a questa rivista: GRAZIE per aver dato il giusto rilievo a un piatto della tradizione veneta che spesso non ha il valore che merita,  GRAZIE per avermi dato il coraggio di continuare a testa alta con i miei sogni e obiettivi per cui lavoro a questo Blog ormai da 2 anni, GRAZIE per aver dato un altro motivo di orgoglio alla mia nonna (e qualcosa di cui parlare con i suoi ospiti)!

Torta Mele e Miele (Saracena di Mele e Amaretti nella Rivista)

torta integrale con mele e amaretti

Ingredienti 

200 gr di Farina

250 gr di farina di farro

Una bustina di lievito vanigliato per dolci

220 gr di zucchero di canna

100 gr di burro

100 gr di mascarpone

100 gr di miele millefiori

80 gr di amaretti

125 gr di Yogurt Magro

100 gr di uvetta

4 Uova

3 Mele Golden

Burro e Farina per lo stampo

Come si procede

torta integrale con mele e amaretti

1

Sbucciate le mele e tagliatele a spicchi. Sciogliete il miele in una padella ampia con dell’aroma alla vaniglia. Pochi minuti dopo aggiungete le mele e lasciatele ammorbidire per circa 5 minuti. Aggiungete ora l’uvetta lavata e strizzata. Spadellate per altri 3-4 minuti (aggiungete un goccio di acqua se il tutto vi sembra troppo asciutto)

torta integrale con mele e amaretti

2

Fate una crema mixando insieme 8 spicchi di mela, il burro, il mascarpone e lo zucchero.

torta integrale con mele e amaretti

3

Ora aggiungete all’impasto anche le farine setacciate, lo yogurt, il lievito e un pizzico di sale.  Alla fine unte anche le 4 uova.

torta integrale con mele e amaretti

4

Componiamo la torta. L’impasto va messo per primo nella tortiera imburrata e infarinata, sopra disponete a raggiera le mele al miele con l’uvetta.

torta integrale con mele e amaretti

5

Chiudete la torta con gli amaretti sbriciolati grossolanamente.

In forno per 45-50 minuti a 180°

Alcuni consigli

La rivista consiglia di servire la torta con una crema aromatizzata all’amaretto, è una buonissima idea ma a me la torta è piaciuta da morire anche mangiata così, con una semplice spolverata di zucchero a velo;

Mi piace assai anche l’idea di fare la torta con le pere al posto delle mele golden… ci proverò sicuramente;

Volete dare una marcia in più al dolce? nell’impasto mettete anche un bicchierino di liquore all’amaretto.

torta integrale con mele e amaretti

Crostata con cuore di Zucca e Gocce di Cioccolato; quando Zumba è sinonimo di Torte e Pizzette

 Questo post arriva un po’ in ritardo, lo sò, ma la ricetta è talmente interessante che non posso nè ometterla nè aspettare il prossimo Ottobre per girarvela. Sapete dove l’ho imparata? A Zumba, Credeteci! Si, perchè capita a tutti di fare una bella lezione di fitness, di quelle in cui indossi i pantaloncini corti e la canottiera Nike per fare la sportiva e poi  ti ritrovi a staccare 10 minuti in anticipo per gonfiarti di dolci e schifezze varie nella segreteria della Palestra. Se però, come in questi casi, l’occasione è buona per imparare dalle compagne delle buone, buonissime ricette allora si che la cosa si fa interessante! …e poi, voi le sapete tutte le proprietà della zucca? Sentite qua… 

“[…]Con la zucca si può essere in forma  perché ha un basso apporto calorico, fa bene alla vista e favorisce la depurazione dell’organismo; è, infatti, ricca di fibre, dà un senso di sazietà anche in piccole quantità e ha un effetto diuretico che aiuta a eliminare i liquidi in eccesso!”

E allora perché continuare a fare solo la crema di zucca e piselli… concediamoci una bella fetta di questa torta (meglio se dopo di una lezione di Zumba)

Crostata con Cuore di Zucca e Gocce di Cioccolato – 400 kcal a porzione c.a. 

dolce zucca e cioccolato

Cosa vi serve

Ingredienti e dosi, qui,  per la frolla (più della scorza o dell’aroma all’arancio)

150 gr di Ricotta Fresca

100 gr di gocce di Cioccolato fondente

400 gr di Polpa di Zucca

Un Uovo  

Un Cucchiaio di Zucchero 

Come si Procede

1

Preparate la frolla seguendo questa ricetta (aromtizzate però con della scorza d’arancio bio o dell’aroma all’arancia). Conservate la Frolla per circa 30 minuti in frigo. 

2

Prendete la polpa di zucca già sbollentata è scolata dall’acqua in eccesso e unitela a 150 gr di ricotta, un uovo,  alle gocce di cioccolato e a due cucchiai di zucchero. Create una crema bella densa. 

3

Ora formate la crostata. Con 2/3 di frolla stendete la base in una tortiera da 26 cm circa, farcite con la crema di zucca e cioccolato e coprite con delle strisce larghe la superficie. In forno a 180° per 40 minuti circa.

dolce zucca e cioccolato

Alcuni consigli

Poco amanti della zucca? La torta è perfetta anche con ricotta e mirtilli come ho fatto qua oppure con ricotta e uvetta o cioccolato

Per fare delle strisce perfette di decorazione ponete la frolla rimasta nel congelatore per 5-8 minuti… non si romperanno e saranno davvero belle e facili da posizionare sul dolce. 

La torta ti serve domani? Poco prima di servirla bagnala con del bianco d’uovo e dello zucchero, conferirà freschezza e lucidità al dolce!

dolce zucca e cioccolato

Cucchiaio e forchetta per gli Spaghettoni con Speck e Radicchio

E io che credevo fosse davvero chic, io lo vedevo davvero da signori e invece: “Non è galateo”, “Ma dai, è da bambini!”, “ma fai sul serio”?… Di cosa sto parlando? Ma del cucchiaio per gli spaghetti, mi sembra chiaro! Mi piace così tanto quel gesto di arrotolare sulla palma del cucchiaio gli spaghetti per fare un boccone giusto giusto e invece mi becco pure gli insulti! Ok, da oggi preparatevi a vedermi con km di spaghetti indecisi tra le mie labbra e la fondina e poi ditemi ancora che non è elegante!

Ma lasciamo da parte il galateo e parliamo di una ricettina che ben si sposa con il mio ritorno per un paio di giorni tra i miei monti e le prime nevicate (che bello scriverlo!), oggi vi propongo gli spaghetti classici Speck e Radicchio, io, per stare leggera ho spadellato i tutto con del latte ma, se avete ospiti o volete farvi una super cena vi consiglio del mascarpone.. (amanti dei sughi passati e cremosi? Questa variante fa al caso vostro!).

 

Spaghettoni Speck e Radicchio di Treviso – Circa 270 Kcal a porzione


pasta spaghetti con radicchio

Ingredienti per circa 5 persone

400 gr di spaghettoni

Mezza cipolla

Un “Cespo” grande di radicchio di Treviso

150 gr di Speck a cubetti

Due bicchieri di latte

Sale, Pepe e Erba cipollina

Formaggio Grana (o Pecorino Romano)

 

Come si procede

pasta con radicchio1

Mettete a bollire l’acqua per la pasta e, quando bolle, salate e versateci gli spaghetti (non spezzateli, vi prego!). Lavate e tagliate a pezzettini il radicchio e lasciatelo da parte, in una padella mettete dell’olio e mezza cipolla macinata. Quando sarà rosolata aggiungete il radicchio  (non spaventatevi per la quantità, perdendo acqua si ridurrà in maniera impressionante).

Spagehtti con radicchio

2

Circa 5 minuti dopo aggiungete lo speck a cubetti e continuate la cottura per altri 5 minuti circa.

ricetta con spaghetti

3

Spadellate il tutto con gli spaghetti e il latte.  Impiattate con una spolverata di Grana (o Pecorino), pepe e Erba Cipollina.

 

Alcuni consigli

    • Se volete un gusto ancor più cremoso e pieno passate il condimento al mixer e sostituite al latte 150 g di mascarpone.
    • Questo condimento sposa davvero benissimo anche con tagliatelle o gnocchi di patate, provare per credere!
    • Se siete amanti della pasta al forno esiste anche una variante che prevede questo sugo di radicchio e speck nei cannelloni con besciamella e fiocchi di gorgonzola (però, qui, non chiedetemi di garantire la quantità di calorie, ragazze!)

ricette con il radicchio

“Made with Love… & Fruits” – Frolle Rustiche alle tre Marmellate con farina di Farro

La conoscete la favola del piccolo ometto che raccoglie frutti e bacche da boschi di montagna? Lo avete immaginato entrare nel suo piccolo laboratorio “magico” dove, unendo la polpa allo zucchero, crea delle magiche creme colorate che noi umani chiamiamo “Marmellate”? Beh, mi tocca dirvelo, esiste davvero! 

Sto parlando di Rino e della sua piccola, grande magia: l’Azienda Agricola “La Giasena“. Lui (con i suoi magici prodotti) l’ho incontrato per caso a una fiera dedicata ai prodotti enogastronomici del Triveneto, è stato amore a prima vista. Le sue marmellatine di frutti locali, i succhi densi e zuccherini e le confezioni regalo mi hanno fatto subito pensare a una favola, a un’offerta che supera ogni prodotto industriale, sbarella ogni concorrenza! Quello che posso fare è proporvi i suoi prodotti sani e genuini e regalarvi una ricetta tutta Cadorina: Frolle di Farro alle tre marmellate!

Frolle di Farro alle Tre Marmellate

biscotti al farro

 Ingredienti

250 gr Farina di Farro

50 gr di burro

1 Uovo 

La scorza grattuggiata di un limone non trattato

130 gr di Zucchero (di cui 60 gr di zucchero di canna)

Mezza bustina di lievito Vanigliato

Marmellate varie (io ho usato la marmellata di Sambuco, Corniole e Nespole de “La Giasena

Come si procede

biscotti al farro

1

Preparate la Frolla seguendo questa ricetta (usate però la farina di Farro).

biscotti al farro

Preparata la pasta e lavorata a mano per qualche minuto lasciatela in frigo a rassodare per circa 30 minuti. 

biscotti al farro

2

Stendete la pasta frolla usando della farina 00 perchè non attacchi al piano di lavoro. Con un coppa pasta medio fate dei cerchi e, su metà di questi, con dei mini stampini per biscotti fate il buco centrale (Vedi foto… mammamia quanto è difficile spiegare questo passaggio!). 

biscotti al farro

3

Sui Biscotti ancora “Pieni” spalmate della marmellata, poi, chiudete con il biscotto “bucato”. Infornate per 10-13 minuti a 180°. 

4

Sfornate e servite freddi con dello zucchero a velo. Con il thè o del latte caldo saranno una perfetta colazione o una merenda golosa tra amiche. 

Alcuni consigli

Non siete troppo amanti della farina di Farro? Per un gusto rustico ma meno rischioso,usate la farina 00 classica ma usate solo zucchero di canna e aromatizzate alla cannella! 

Con le formine di pasta che ricaverete dai “buchetti” centrali potete fare dei mini biscottini da tè decorandoli con cioccolato fondente fuso o grassa reale. 

biscotti al farro

Avete delle domande o, come La Giasena, volete collaborare con Cuoche Si Diventa? Compilate questo form e fatemi la vostra richiesta! Risponderò al più presto! 

Un piatto di Canederli in Brodo e 4 chiacchiere con un’amica

Non voglio scrivere questo post. No, non prendetevela, domandatevi piuttosto perché lo sto scrivendo pur non avendo alcuna voglia di farlo! Quando non c’è niente di meglio… c’è un post.

Vorrei fare due chiacchiere con un’amico, vorrei raccontare tante cose a qualcuno e invece no; invece sono qui, nella 205 di un albergo 4 stelle davanti a un 13 pollici a scrivere un cavolo di post. No, si, lo so dove vorrei essere, vorrei essere dalla mia nonna davanti a un bel piatto di canederli come solo lei li sa fare. Nella sua casa di legno vecchio e nero con il caldo della stufa a legno e la comodità della sua poltrona coperta da un tricot beige, marrone e verde bosco. Vorrei raccontarle i miei dubbi, le mie insicurezze e le mie paure. Ma niente! Sono ancora in questa camera d’albergo con il rumore delle auto in lontananza. Cosa faccio? Se non posso andare dalla mia nonna e dai suoi canederli vi racconto come farli a suo modo.

Canederli di Nonna Marianna – 350 kcal a porzione

come fare i canederli

Ingredienti (le porzioni sono indicative, la nonna fa tutto a occhio)

  • 300 gr di pane raffermo
  • Latte (2 tazze)
  • 3-4 pugni di cubetti di mortadella/speck o pancetta
  • Abbondante prezzemolo tagliato grossolanamente
  • Un uovo 
  • Sale e Pepe
  • Brodo di carne (meglio se fatto in casa)

Come si procede

Canederli ricetta

1

(Qualche ora prima di cena) Tagliate a pezzetti il pane e ammollatelo nel latte. Aggiungete l’uovo, il prezzemolo, i cubetti di affettato, il sale  e il pepe e create un’impasto che sia abbastanza compatto da farci dei canederli grandi come una palla da tennis (se l’impasto è troppo morbido aggiungeteci della farina). Mettete i Canederli in frigorifero a rassodare per un paio d’ore.

Canederli ricetta

2

Mettete a bollire il brodo e, quando è caldo, metteteci i canederli molto delicatamente e abbassate al minimo il gas (altrimenti si sfaldano). Dopo 5-7 minuti potete servirli accompagnati con in brodo e una spolverata di pepe o scolati e conditi con del burro fuso, salvia e Grana.

Alcuni consigli

Volete averli sempre pronti per gli ospiti inattesi? E’ sufficiente congelarli una volta fatti, risultato garantito!

Per un piatto più leggero potete sostituire dell’olio al burro.


ricette primi leggeri